-->

Ti piace? Condividilo!

lunedì 21 luglio 2014

Facebook si lancia sul "clicca e compra". Con un tasto

Era solo questione di tempo. Anzi, forse è strano che Facebook ci sia arrivato così pian pianino: il social di Mark Zuckerberg ha introdotto qualche giorno fa in USA la possibilità, per prodotti di piccole e medie imprese, la possibilità di acquistare online alcuni beni.
In questo modo l'evoluzione di FB è – quasi – completa. Un ulteriore passo verso l'implementazione di ogni funzione possibile, e il tentativo di “impedire” all'utente di lasciare la sua comoda timeline per migrare verso altri siti e servizi online.
Una comodità, certo, ma anche, come facilmente si evince, un nuovo modo (quanto e come invasivo lo vedremo meglio tra qualche mese) di inserire pubblicità e generare profitti per Facebook. Un tentativo di affacciarsi all'e-commerce per poi tentare la scalata al monopolio? Non è un'ipotesi tanto azzardata. Anche considerato che una prima sperimentazione di store online naufragò nel 2012.
Per adesso si sa che i post con l'opzione “compra” compariranno sulle pagine fan delle aziende e probabilmente sulle bacheche altrui solo attraverso promozioni a pagamento. Una invasione commerciale che comunque porterà ad un cambiamento dell'utilizzo di questo social, che non è il primo a sperimentare qualcosa del genere, ma è comunque attualmente il più utilizzato a livello mondiale.
Il pagamento? Con carta di credito/debito, naturalmente. Un modo per accedere ad ulteriori nostri dati? FB calma le acque: "Nessuna informazione sulle carte di credito che gli utenti condividono con Facebook quando completano una transazione sarà condivisa con altri inserzionisti – specificano dalla sede di Menlo Park - Le persone potranno scegliere se salvare o meno le informazioni del pagamento per acquisti futuri".


Domanda: cosa succederà quando entreranno in gioco sul social i colossi del commercio? Il rischio di soffocare le altre possibili proposte da parte di concorrenti medio-piccoli non è trascurabile.

C'è qualcos'altro che puoi leggere...
- Tutto ciò che cerchi su Google può essere usato contro di te
- Il diritto all'oblio? Non esiste!
- Il web e la scomparsa delle middle-class

Nessun commento:

Posta un commento

Google
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...