-->

Ti piace? Condividilo!

domenica 18 maggio 2014

Godzilla, un film con la star molto timida

Questa non sarà una recensione lunga e articolata, perchè Godzilla risulta essere un blockbuster senza troppe pretese che mira “solo” a intrattenere, nonostante la nobile discendenza e la ricorrenza dei 60 anni del mostro giapponese creato da Ishiro Honda.
Andiamo subito a quello che è, a mio avviso, l'aspetto più discutibile.
Il problema è che Godzilla è il personaggio che compare meno nel film.
Meno di Bryan Cranston. Meno di Aaron Taylor-Johnson e Elizabeth Olsen. Meno di Ken Watanabe e qualsiasi altro attore del film (a parte Juliette Binoche, ma sfido io).
Meno, e qui siamo al paradosso, dei mostri cattivi.
Ora, non è che uno volesse un film intero su Godzilla che arriva e distrugge una città a caso (comunque, perchè no?), però almeno una bella scena tamarra di un quarto d'ora con un combattimento all'ultimo sangue non ci avrebbe fatto schifo, credo.
E invece, nisba.
Ok che Gareth Edwards, il regista, è diventato famoso per Monsters, dove dei mostri non si vedeva neppure l'ombra o quasi, ma qualcuno doveva dire alla produzione che in questo caso IL FILM E' IL MOSTRO!
Per essere un simil-reboot non mette neppure troppa enfasi nel costruire un'aura mitica al nostro beneamato Godzilla. Quasi tutti gli sforzi tesi a creare aspettativa (tanti dialoghi, e poi la regia non fa altro che negarcene la visione intera) smorzano la tensione e inquadrano didascalicamente la creatura come un riequilibratore divino.
Nella visione di questa pellicola, noi umani siamo gli idioti che rovinano il pianeta e dobbiamo essere noi in qualche modo rimettere le cose a posto (come? Ma evitando di far esplodere una bomba che noi stessi abbiamo piazzato e che 99 su 100 non sarebbe servita a niente!).
Trovate sciocca la frase precedente?
Perchè è ovviamente sciocca.
Godzilla salva il mondo e anche i bambini dai missili lanciati dai miliari, i quali, attraverso il protagonista Ford Brody (ma che nome è?) restano sempre al centro del film e mai per un momento vengono messi in discussione, neppure nelle scelte cretine che fanno. A meno che il broncio triste di Ken Watanabe non sia una critica.
Alla fine della fiera, è tutto molto bello e professionale, però – purtroppo – da spettatore che si è visto quasi tutti i film della serie, mi ritrovo quasi a preferire i pupazzoni gommosi che si riempiono di legnate trash per metà pellicola.
Per il pubblico generalista, Godzilla 2014 è un film solido ma che non raggiunge nemmeno per un momento lo stupore e il coinvolgimento di un Jurassic Park o il divertimento di un Pacific Rim. Detto questo, lo spettacolo c'è, le scene grandiose e di impatto pure. Resta l'amaro in bocca perchè avrebbe potuto essere molto più.
A quanto pare in USA l'apertura è andata benone (la migliore dell'anno finora) e anche in Italia il risultato è buono.

Resisterà sul lungo termine? Mah. Non è memorabile, e il fatto che sia già annunciato un sequel non so se costituisca un bene o un male...

Sei mostruosamente curioso? Leggiti anche:

2 commenti:

  1. Concordo pienamente con la totalità dei punti esposti nella rece. In più aggiungo che Godzilla non gli lega neanche le scarpe a Pacific Rim, e lo sai perchè? Perchè in Godzilla, alla fine, di vere e proprie scene dove l'ESALTATRON va a fondo scala ce ne sono solo 2, che poi corrispondono alle 2 dipartite mostroidi sul finale. In Pacific Rim invece, di momenti orgasmo con balzo sulla sedia e pugni stretti rivolti al soffitto ( e fottuto rock'n roll) ce ne sono parecchie, tutte legate alle varie sberle inter-robot/mostro che si susseguono fino alla fine. Ecco. Godzilla pecca proprio lì. È un film ben fatto, per carità, complimentoni ad Edwards, però è SOFFERTONE come i film dei personaggi DC. Invece, con un personaggio come Godzilla si doveva (e si poteva) stare un po' più sul caciarone, come succede nei film MARVEL. Poi sai...de gustibus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gisuto, soprattutto il parallelismo DC-Marvel... Godzilla mi sembrava non arrivare mai, e quando alla fine arriva gli scontri sono al minimo sindacale. Ora, io capisco voler lasciare spazio al nostro soldatino e tutti i militari (naturalmente inutili) a pro dello spettatore medio americano, ma dov'è la sana distruzione a sganassoni? E poi questa storia dei mostri "collaterali" più presenti del Nostro non mi va giù. No-e-no.

      Elimina

Google
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...