-->

Ti piace? Condividilo!

mercoledì 25 giugno 2014

Un morso al social marketing, i brand ringraziano Luis Suarez

Social marketing con occhi e tastiere sempre pronti, ormai è regola: e se Luis Suarez sgranocchia la spalla di Chiellini durante il Mondiale di calcio, subito sotto a sfruttare l'ondata virale di status, tweet e meme.

In principio furono gli Oreo, quei bellissimi biscottini neri col ripieno di latte che da piccolo definivo "i Ringo negativi" (anche se i Ringo il nero già ce lo avevano).
Il 4 febbraio del 2013, durante il Superbowl, tirano fuori sui social (Twitter) in pochissimo tempo un'immagine che sfrutta il blackout avvenuto nello stadio di New Orleans: 
Alè, case study bello e pronto per social media manager, esperti di (social) marketing e via dicendo. La velocità di una battuta tradotta in instant-spot con il linguaggio ironico e immediato della rete. Bel colpo.

Da allora di caratteri ne sono passati sugli schermi e adesso tutti sono più pronti all'azione. Persino a casa nostra. Basta un evento fuori dall'ordinario, come può essere un morso tra giocatori in una partita del Mondiale brasiliano, e tutti piombano come falchi. Tutti, o meglio, chi può sfruttare l'accaduto perché è un brand legato alla "masticazione".
Pronti via: ecco chi si occupa di hamburger, patatine, bistecche e merendine

Cosa si nota? Che c'è ben poca inventiva e tutti giocano sulla retorica del cibo, del gusto e del morso. Niente elaborazioni grafiche, semplice sfruttamento del fatto avvenuto. 

Poi ci sono i brand che invece si occupano della salute dei denti (o le birre che si aprono con i denti)



E i nostri? Beh, c'è da dire che, al bando l'originalità, Barilla e Pavesi (Gocciole) ci hanno messo impegno:

Infine, come non citare i migliori esempi: quelli della tv, con Discovery Channel e AMC-Fox, che forte del comportamento da zombi (anche cerebrale) di Luis Suarez ha rilanciato il successone The Walking Dead

Se ti va, puoi leggere anche:

- Marketing dell'antirazzismo (con banane)
- Davvero nel giornalismo servono foto-shock?
- Dylan Dog e una generazione allo specchio

Nessun commento:

Posta un commento

Google
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...